Saturday, 26 September 2015

Scuola maltese

Questo post è stato aggiornato dopo la prima pubblicazione.

Stefano compirà cinque anni il prossimo Ottobre quindi, secondo l'ordinamento maltese, dovrà frequentare il primo anno della scuola primaria.

Sin dalla fine dello scorso Agosto io e mia moglie abbiamo raccolto tutte le informazioni possibili sulle modalità di iscrizione e sullo svolgimento del programma scolastico per i bambini immigrati.

Ad essere sincero, il sito del ministero dell'istruzione maltese, pur fornendo moltissime informazioni di utilità generale, non fornisce dettagli sulle modalità di'iscrizione e nei forum o su Facebook la gente in genere divaga in inutili discussioni.

Quindi il consiglio che mi sento di dare, in generale, è di non fare affidamento alle fonti online e, prima di continuare, ci tengo anche a chiarire che con questo post voglio solo riportare la nostra personale esperienza senza alcuna pretesa di ufficialità: l'approccio migliore in questo caso è parlare di persona con i funzionari.

Prima visita a scuola

Ad inizio Settembre, per comodità logistica, mia moglie si è recata alla più vicina scuola primaria.
Li le hanno spiegato meglio l'organizzazione maltese: ogni scuola fa parte di un college che centralizza tutta la parte amministrativa.
Pertanto per l'iscrizione bisogna recarsi alla sede centrale del college o contattare il preside del quale ci hanno fornito il numero telefono della segreteria.

La sera stessa a casa ho trovato l'indirizzo email del preside nel sito istituzionale (in questa pagina) e ho così deciso di anticipare i tempi e scrivergli.
Il giorno dopo il preside stesso mi ha risposto, dicendomi molto cortesemente che la mia richiesta di informazioni sull'iscrizione sarebbe stata seguita dalla sua segreteria.

Prima visita al college

Qualche giorno dopo, non avendo più ricevuto risposta nonostante un mio sollecito sempre per email, siamo andati alla sede del college per chiedere istruzioni per l'iscrizione.
Ecco il necessario:
  • lettera libera di richiesta di iscrizione indirizzata al college
  • copia del contratto di affitto o altra prova di effettiva residenza
  • copia dei documenti di riconoscimento del bambino e dei genitori
  • copia del certificato di nascita del bambino
  • copia della eResidence card (se già in possesso)
La sera stessa ho cominciato a scrivere la lettera nella quale, oltre a chiedere l'iscrizione al college, chiedevo lo spostamento alla scuola più vicina a casa e l'iscrizione al corso di Inglese e Maltese.

Si perché, come da indicazione europea, tutte le scuole pubbliche della comunità dovrebbero fornire ai bambini immigrati un supporto supplementare per rendere più rapida l'integrazione (qui uno studio di un ente indipendente sottoposto alla Commissione Europea).
Il governo maltese, venendo incontro al crescente numero di immigrati, quest'anno ha cambiato il programma decidendo di estendere all'intero anno scolastico l'insegnamento delle lingue ufficiali.
Qui la circolare ufficiale del ministero dell'istruzione su questo programma.

Il problema è che i dettagli dell'organizzazione di questo nuovo programma fino a qualche giorno fa, a pochi giorni dall'inizio della scuola, non era ancora chiara.
Ma andiamo con ordine.

Seconda visita al college

Siamo quindi tornati al college per consegnare la lettera, la copia del contratto di affitto e le copie di tutti i nostri documenti italiani e della mia eResidence card maltese. 
La segreteria ci ha detto di attendere la lettera ufficiale di accettazione che ci sarebbe stata inviata per posta a casa. La stessa ci ha anche detto di richiamare nel caso dopo una settimana non avessimo ancora ricevuto la lettera. 

Passata la settimana, come concordato, abbiamo chiesto telefonicamente notizie dell'iscrizione. La risposta ci è stata prontamente inviata per email (abbiamo poi ricevuto lo stesso documento per posta qualche giorno dopo). 
Avevamo quindi la conferma che la nostra richiesta di iscrizione e spostamento alla scuola più vicina era stata accettata (ma dubito onestamente che una scuola pubblica possa rifiutare l'iscrizione), 

Seconda visita a scuola

Con la copia cartacea dell'accettazione dell'iscrizione ci siamo quindi recati a scuola per terminare il processo di iscrizione.
Lì ci hanno fornito l'elenco del materiale scolastico e dei componenti dell'uniforme da acquistare prima dell'inizio della scuola. 
Hanno quindi aggiunto che Stefano avrebbe frequentato per tutto l'anno una classe a parte dedicata ai bambini immigrati.
Fermo restando che un supporto linguistico è necessario, mi sono subito preoccupato del significato di "classe dedicata".

  • L'insegnamento delle lingue esclude in qualche modo l'insegnamento del normale programma?
  • Ogni quanto verrà valutato il livello dei bambini?
  • Come faccio io, a sapere che mio figlio necessita di un ulteriore supporto esterno alla scuola?
  • Quali sono i parametri di valutazione?
  • Come vengono integrate le attività di queste classi con quelle delle altre?
Le risposte incerte che ho ricevuto al momento ci hanno messo in agitazione perchè la nostra più grande preoccupazione è che i bambini stranieri vengano considerati come di "serie B".

Abbiamo quindi cercato più informazioni possibili, chiedendo a colleghi, ritornando più volte a scuola e scrivendo email al ministero (all'indirizzo email indicato in fondo alla circolare ministeriale di cui sopra).
Devo dire sinceramente che in generale tutte le persone con cui abbiamo parlato sono state molto gentili e garbate, ma ciò non toglie che abbiamo avuto (ed ancora abbiamo) qualche preoccupazione su come si svolgerà quest'anno scolastico per Stefano.

Ad oggi, le notizie che abbiamo sono:
  • L'anno scolastico per i bambini stranieri comincerà una settimana dopo, il 5 Ottobre.
  • L'insegnamento delle lingue seguirà per quanto possibile lo stesso programma scolastico delle classi maltesi.
  • Ogni mese i bambini verranno valutati e, quando raggiunta una competenza adeguata, spostati di classe.
  • Le classi saranno di soli cinque bambini.
  • L'acquisto dell'uniforme scolastica non è necessario almeno fino all'introduzione nella classe maltese (purtroppo l'abbiamo scoperto troppo tardi).

Terrò aggiornato questo post man mano che avrò novità.

Aggiornamento 08/10/2015:
Venerdi 02/10/2015 abbiamo ricevuto una telefonata dalla scuola che ci informava che l'inizio delle lezioni sarebbe stato posticipato al 07/10/2015.
La scuola è quindi cominciata ieri: da subito l'orario normale 8,30-14,15.
Oggi Stefano ha svolto i suoi primi compiti a casa (una pagina di a minuscole e due fogli di esercizi con i numeri e le forme).
Confermata anche la composizione delle classi di sostegno a gruppi di cinque anche di età diversa: Stefano è il più piccolo del suo gruppo.
Non abbiamo avuto occasione di conoscere le insegnanti, ma ne avremo occasione fra quindici giorni al primo ricevimento dei genitori. 

Tuesday, 22 September 2015

Just yet another blog...

This is my first post on the Blogger platform.

I find it well organized and functional: in a few minutes, I have set up the layout, added some personal information to my profile, wrote the About page and then I am writing the very first post. :)

I have a previous experience with Wordpress as a self-hosted CRM and even it is much more customizable, as expected from a complete CRM platform, the effort required to set it up is high and I don't want to spend my spare time getting mad because of not-so-tested CSS or unsecure Javascript plugins. Moreover, I don't want to spend money to buy a hosting service for now.

After all, what I really want is a public space to share my experiences without all the limitations of a social network.

Before choosing Blogger, I have also considered wordpress.com and, since I have never used it before, I made a preliminary research to choose the right service.

I found both very powerful and I cannot count the number of online sources that suggest the one or the other, so comparing only the technical aspects did not help.

The free wordpress.com service forces you to show ads on your blog. I understand this is a way to keep the service free, but for now I don't want to annoy the reader with "flashing banners". I hope you appreciate this! :)

On the other side, my concern about the Google's platform is the clause to reuse the blog content as stated in Terms of Service page:

When you upload, submit, store, send or receive content to or through our Services, you give Google (and those we work with) a worldwide license to use, host, store, reproduce, modify, create derivative works (such as those resulting from translations, adaptations or other changes we make so that your content works better with our Services), communicate, publish, publicly perform, publicly display and distribute such content.

But it think that I can live with it in the same way I accepted the similar terms of use for Google+ and Facebook.

Writing a blog may seem outdated nowadays, but it is only a different way to share information on internet, eventually complementary to the various social network we all have subscribed.
In a way, it is the exact opposite of Twitter: instead of force yourself to be extremely concise in 140 characters, you can express at your best using all the words you need :) .